FILETTI DI PESCE ALLE ERBE CINESI

FILETTI DI PESCE ALLE ERBE CINESI

INGREDIENTI

Pesce QUELLO CHE VI VA...(quantità per due)

una manciata di pomodorini

una cipolla

farina

spezie cinesi (in commercio si trovano già miscelate)

un peperone

2 uova

un bicchierino di salsa di soya

 

PROCEDIMENTO

Prendere la quantità di farina utile per impanare i filetti, aggiungervi dentro spezie, io non avevo il misto di spezie ed ho usato solo curry e cardamomo, mettetene abbondantemente.

Sbattere bene le uova senza sale e poi immergervi dentro i filetti, passarli nella farina bene, e poi friggeteli in olio di oliva o di semi.

Adagiare i filetti fritti su carta assorbente e metterli da parte, sofrriggere in pco olio la cipolla a pezzettini piccolissimi, aggiungere i pomodorini,

lasciare cuocere un pò e salare, a fine cottura aggiungere del peperone tagliato finemente, ma cuocetelo poco.

A fine cottura ultimte con salsa di soya, il sapore sarà ottimo, vi sembrerà davvero di mangiare al ristorante cinese.

Mettete il sughetto sul pesce e servite subito.

Buon appetito

 

CONSIGLI E CURIOSITA'

Nella cucina cinese le verdure sono poco cotte in modo che esse non perdano la maggior parte delle loro sostanze nutritive, e quindi piu' sana della nostra cucina, cuicnano anche moto al vapore per ,o stesso motivo.

Non aggiungete sale nell'uovo per l'impanatura, altrimenti si crea l'unmidità al momento della frittura e l'impanatura si staccherà.

Passare prima nell'uovo e poi nella farina, non al contrario, in questo modo si formerà una crosticina piu' per legata. E mentre passate i filetti in farina schiacchiate bene, per far attaccare bene l'impanatura.

 

Se usate l'olio di semi per la frittura è meglio in quanto cuocendo fa meno male, ed ha un punto di fumo piu' alto.

fonte della sottostante spiegazione (leggete l'articolo)

http://www.my-personaltrainer.it/oli-friggere.htm

.....I nutrizionisti consigliano di non esagerare con le fritture perché le alte temperature raggiunte con questo metodo di cottura alterano la struttura molecolare dei grassi producendo dei residui tossici per il nostro organismo.

Tra i numerosi oli presenti sul mercato ve ne sono alcuni più stabili e resistenti alle alte temperature ed altri che si decompongono più facilmente.

In particolare gli oli contenenti grandi quantità di acidi grassi polinsaturi non vanno utilizzati per le fritture. Insomma, i famosi grassi omega 3 di cui tanto si parla per la loro utilità nella prevenzione delle malattie cardiovascolari, se sottoposti ad alte temperature diventano instabili producendo residui nocivi per il nostro corpo.

Il punto di fumo corrisponde alla temperatura massima raggiungibile da un olio prima che questo inizi a bruciare e a decomporsi creando le sopraccitate sostanze tossiche.